Il Consiglio unito per la riapertura del Tribunale

01.10.2018

SALUZZO - L’ ex Tribunale di Saluzzo potrebbe non rimare per sempre tale. Durante l’ultimo Consiglio comunale è stata presentata la mozione scritta dai consiglieri di minoranza, gli avvocati Andrea Farina e Daniela Contin in seguito al Contratto di Governo.”La mozione nasce da due fatti - ha spiegato Farina - nel contratto di Governo fromulato dall’attuale Esecutivo è prevista la riapertura di alcuni tribunali soppressi ed è comparsa la volontà di riaprire un tribunale nella provincia di Cuneo. La seconda motivazione è legata alla raccolta firme dei dipendenti del Tribunale di Cuneo, 38  totale a cui se ne sono poi aggiunte altre”. Secondo il capogruppo della minoranza ci sono alcuni elementi oggetti e altri soggetti per la riapertura dell’ex Tribunale. “Il territorio del saluzzese comprende 1524 km quadrati e ha al suo interno un bacino di utenza di 130 mila persone. E’ un territorio molto diversificato, tra montagna e pianura”. Da qui l’esigenza di avere una struttura più vicina ai cittadini. “Inoltre il tribunale di Saluzzo è una struttura che è già stata realizzata appositamente e se riaprisse i costi sarebbero minimi. E’ collocato in una zona centrale, con un ampio parcheggio e collegamento vicino alla ferrovia e alle fermate dei pullman, senza considerare la vicinanza alla Casa Circondariale”. Farina ha poi fatto riferimento alla lettera mandata nei mesi scorsi dal primo cittadino Mauro Calderoni quando si è presentata la possibilità di una riapertura dell’edificio. “Ci è sembrata troppo neutrale, bisogna ragionare se prendere una posizione di intervento come ha già fatto Alba”. “Come già dissi sette anni fa durante un incontro di Forza Italia - ha aggiunto Contin - o abbiamo una proposta di potenziamento della struttura saluzzese, come ad esempio un accorpamento con il Tribunale di Pinerolo o se no non possiamo vincere contro Alba. La domanda che dobbiamo porci è, quanto ci crediamo? Se c’è una possibilità dovremmo provarci, non possiamo dire “ci rinunciamo”. La riapertura del tribunale è un vantaggio per tutti”. Il sindaco Calderoni è quindi intervenuto sostenendo la mozione: “Per primi abbiamo posto la questione ma  non in modo tenue. Il Governo per ora non ci risponde, ma se vogliamo procedere dobbiamo farlo insieme, specificando i termini della mozione”. La proposta della maggioranza sarebbe infatti quella di sì puntare sulla riapertura, ma anche sull’insediamento della sede della Polizia Stradale: “La Polstra - ha aggiunto Calderoni - è sotto sfratto. Il tribunale sarebbe perfetto per trovargli un posto e al tempo stesso ci garantirebbe la presenza della sorveglianza”. Due quindi gli emendamenti proposti dalla maggioranza alla mozione sulla ricerca di un ente con cui fare rete e sul trasferimento della Polstra. Il documento è stato poi rimandato alla riunione tra i capigruppo.” Sono contenta - ha concluso Contin - perchè forse per la prima volta vedo la speranza di porterci credere insieme”. Chiara Gallo

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Please reload

Archivio

Please reload

Categorie

  • White Facebook Icon

MAIL. redazione@saluzzoggi.it  |  TEL. 0171 690417

© 2017 by Saluzzo Oggi - P.I. 11180650019.

This site is proudly made in alternativeADV

Testata Saluzzo.png