In mostra l'opera di Piero Bolla: alla Castiglia fino al 4 novembre

10.09.2018

 

 

SALUZZO - Era dal 1982 che Piero Bolla non esponeva nella sua città natale. Dopo 36 anni, l’artista torna a Saluzzo con un’interessante mostra nelle sale della Castiglia, un allestimento che fino al 4 novembre permetterà di scoprire il percorso personale e professionale di Bolla dagli anni ‘50 a oggi. L’esposizione, frutto della collaborazione tra Fondazione Amleto Bertoni e Associazione Ur/ca, darà poi il via  a un ciclo di iniziative per inviare il pubblico ad approfondire e ammirare il lavoro di questo poliedrico artista, salendo e riscoprendo al tempo stesso la città alta e  i suoi tesori. “Vivre d’hazard” è il titolo della mostra che ospita circa 50 opere tra dipinti e sculture dell’artista saluzzese,  un riferimento all’incertezza che da sempre circonda le arti figurative in tutte le forme: “E’ sempre un rischio lavorare nel mondo della cultura - spiega l’artista - perché non è detto che quello che fai, quello che produci ti farà stare tranquillo e vivere sereno. L’opera che tu fai rappresenta un mondo non conosciuto. Un mondo che prima non esisteva, che esiste dopo, l’hai creato tu e dai agli altri la possibilità di verificare un mondo che loro non conoscevano. Ho fatto molte personali, alcune molto importanti. Ma questa mostra riassume tante vicende che ho avuto dagli anni ‘50, anni importantissimi per me. Quando facevo l’Accademia,ci sono stati tanti momenti, cambiamenti, scelte diverse che sono avvenute su cose che non avevano legami con la vita del quotidiano. Era un vita vissuta alla ricerca di superare se stessi, per questo “Vivre d’hazard”. Ripercorrendo le sale della Castiglia appare subito chiaro quanto Bolla si sia staccato nel corso della sua carriera dall’arte più tipica saluzzese, di derivazione ottocentesca. “Merito dell’Accademia e del liceo artistico, in particolare merito dei miei compagni di scuola. Erano di un altro mondo. Prima di incontrarli, avevo sempre vissuto la mia vita in piazza, per così dire. Frequentandoli ho capito che c’era un altro mondo. La sorpresa più grande è quando ho capito che quello che facevo piaceva. In Accademia sono stati anni bellissimi, e lì c’è stato il salto di qualità. Tutto però è nato da dentro. Io no ho mai parlato molto di fronte alle mie opere, sono quello che sono. E sono qui in mostra per ricordarvi che esisto”. Il pubblico dunque potrà percorrere un viaggio tra quadri e sculture delle varie epoche della lunga carriera dell’artista, dai disegni del viaggio in Grecia, fino ai quadri trasparenti, alle sculture di plastica, alla Biennale di Venezia, alle sculture di carta e all’ultima produzione dei giorni nostri, proiezioni sulla sua attività. Piero Bolla è la materia dei suoi quadri, delle sue sculture, delle sue installazioni. Una materia che produce forza, fino al senso dell’esistenza, all’ironia con cui egli sfida la vita. Possiede nella sua figura alta, nel suo passo lungo, nelle sue mani grosse e ossute, il vigore pronto alla sfida a scalare il mondo, disposto come l’occhio e la penna di Fenoglio quando guardava la collina, o descriveva le campane della chiesa “quel giorno che suonarono in modo che sembrò che sulla città piovessero scheggioni di bronzo”. Achille Bonito Oliva di lui ha scritto che “opera su un ventaglio di stili, sempre sostenuto da una perizia tecnica e da un’idea dell’arte che cerca dentro di sé i motivi della propria esistenza. Tali motivi consistono nel piacere di una pittura finalmente sottratta alla tirannia della novità e anzi affidata alla capacità di utilizzare diverse “maniere” per arrivare all’immagine”.

 

Sconto “in giallo”

Il 14, 15 e 16 settembre chi si presenta alla mostra di Piero Bolla, allestita a La Castiglia di Saluzzo, con maglietta e pantaloni gialli ha uno sconto del 50%, se arriva vestito completamente di giallo entra gratis. La simpatica iniziativa è dedicata all'opera "Vestito giallo" ed è la prima di una serie di eventi collaterali pensati per coinvolgere i visitatori e omaggiare, di volta in volta, una delle opere di Piero Bolla. Chiara Gallo

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Please reload

Archivio

Please reload

Categorie

  • White Facebook Icon

MAIL. redazione@saluzzoggi.it  |  TEL. 0171 690417

© 2017 by Saluzzo Oggi - P.I. 11180650019.

This site is proudly made in alternativeADV

Testata Saluzzo.png