Suoni dal Monviso: domenica 29 luglio arriva Noemi!

23.07.2018

 

 

 

SALUZZO - Prosegue la rassegna musicale itinerante “Suoni dal Monviso” organizzata dal coro de I Polifonici del Marchesato e quest’anno iniziata con il concerto di apertura nella splendida cornice di Villa Belvedere già Radicati. Prossimo appuntamento con una cantante d’eccezione: Noemi. L’artista si esibirà sulle note del suo nuovo album “La Luna”a Sanfront, precisamente a Pian Pilun, domenica 29 luglio alle ore 12.


La Luna
L’album arriva a due anni distanza dall’ultimo “Cuore d’artista” ed è composto da 13 brani inediti, tra cui “Non smettere mai di cercarmi”, canzone presentata sul palco della 68a edizione del Festival di Sanremo. “Tra i tanti motivi per cui ho scelto il titolo “La Luna” - spiega la cantautrice - è perché, come dice Vasco Rossi in “Dillo alla luna”, mi piace l’idea di poter parlare alla luna, sperando che porti fortuna. E poi anche perché la Luna è un po’ diva, proprio come voglio vivere anch’io questo album”. Il disco vanta alcune collaborazioni importanti tra cui quella con Francesco Tricarico che ha scritto per lei il brano dall’impronta blues/rock “La Luna Storta”; Tommaso Paradiso che firma “Autunno” e Giuseppe Anastasi che le ha regalato il brano “L’attrazione”. Presente in tutto l’album con la sua anima e la sua eredità anche Lucio Dalla: Noemi lo rievoca nella scrittura e nella produzione di “Oggi non esisto per nessuno” e in “Domani”, arrangiato con il celebre produttore Celso Valli. “La Luna” è un album variegato e versatile, in cui convivono diversi arrangiamenti e generi: il rock, l’elettronica, ma anche il blues, il cantautorato e perfino il country come in “My good, bad and ugly”. Un disco molto femminile, coraggioso e sentito, dove una Noemi inedita si rimette in gioco sperimentando nuove sonorità e rivelando al pubblico lati inaspettati.

A Pian Pilun
Pian Pilun, dove si esibirà Noemi, è una location, molto particolare, posta sullo spartiacque tra le valli Po e Varaita, è raggiungibile da quattro accessi diversi, due per vallata. Per chi vorrà salire da Sanfront, sarà possibile parcheggiare in zona Pasturel, sopra la borgata S. Bernardo, e di lì  proseguire a piedi per circa un' ora. Chi sceglierà Paesana come punto di partenza potrà salire a Pian Munè, lasciare l'auto sull'ampissimo piazzale e scendere al rifugio Bertorello (15minuti circa) di qui, con una ombreggiata camminata di un'ora e venti minuti, potrà arrivare sul luogo del concerto (dislivello di 150 metri). Da Brossasco, invece, il sito è raggiungibile percorrendo comodamente in auto il vallone di Gilba fino alla borgata Danna, di qui 2 km  di strerrato condurranno a Pian Pilun.

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Please reload

Archivio

Please reload

Categorie

  • White Facebook Icon

MAIL. redazione@saluzzoggi.it  |  TEL. 0171 690417

© 2017 by Saluzzo Oggi - P.I. 11180650019.

This site is proudly made in alternativeADV

Testata Saluzzo.png