Con l'associazione G.a.i.a. per Liberi Dentro alla scoperta della piccola valle Bronda

13.06.2018

 

 

SALUZZO -  L'associazione "G.a.i.a. per Liberi Dentro!" organizza un nuova passeggiata alla scoperta della minuscola Valle Bronda: antico monachesimo, nobili parchi e colorati spaventapasseri. Dopo il grande successo della giornata del 26 maggio, domenica 17 giugno si ripete la visita della piccola valle alle porte di Saluzzo. Le offerte per la giornata saranno interamente devolute alle attività in carcere.

 

Il programma

Ore 9.30 ritrovo al parcheggio LIDL di Saluzzo (strada per Revello) per ottimizzare i posti macchina. Chi ha l’equipaggio completo può recarsi direttamente alle ore 9.50 al ritrovo presso la Cappella campestre di San Ponzio a Castellar, a 1 km dall’abitato, nei campi (entrando in paese, indicazione a destra, in direzione della Parrocchiale).

Ore 10 visita della cappella (sec XIII), piccolo gioiello immerso nei frutteti, che racchiude al suo interno il pregevole ciclo di affreschi di Pietro da Saluzzo (sec. XV).

Ore10,30 spostamento in macchina nel centro di Castellar (parcheggio in piazza Tomatis) e salita al castello neogotico di Castellar (30 minuti a piedi).

Ore 11 Visita del parco con affaccio panoramico sulla valle, saremo accolti dal proprietario Cav. Anselmo Aliberti che gentilmente ci apre le porte della tenuta. Salendo e scendendo incontreremo, forse, alcuni caratteristici spaventapasseri.

Ore 12.30 pranzo presso il Ristorante Sarvanot a Castellar (Via Maestra 3,).

Ore 14.30 Incontro con Silvano Borretta, ideatore della Festa degli Spaventapasseri, e visita alla Cantina dei "PRODUTTORI PELAVERGA CASTELLAR", guidati dal produttore vinicolo Marco Occelli.

Ore 15.30 spostamento a Pagno e visita all’antica Chiesa abbaziale dei Santi Pietro e Colombano (oltre il paese di Pagno, sulla sinistra, parcheggio davanti al cimitero adiacente alla chiesa). Fondata dai monaci di San Colombano nell’ottavo secolo, distrutta dai saraceni, ricostruita nel X secolo dai benedettini, la chiesa conserva alcune piccole testimonianze del suo glorioso passato: alcune campate della cripta benedettina, alcuni affreschi del XV sec, alcune lapidi.

Ore 16.30 visita al suggestivo giardino adiacente alla chiesa abbaziale, de “La casa del Vescovo”, residenza estiva del Vescovo di Saluzzo nei secoli passati, ora proprietà del professor Pierfranco Cavazzuti, pittore, entomologo di fama e appassionato di giardinaggio.

 

Prenotazioni entro venerdì 15 giugno al 333.5297775; bibaeangelo@libero.it.

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Please reload

Archivio

Please reload

Categorie

  • White Facebook Icon

MAIL. redazione@saluzzoggi.it  |  TEL. 0171 690417

© 2017 by Saluzzo Oggi - P.I. 11180650019.

This site is proudly made in alternativeADV

Testata Saluzzo.png