Trionfo dei Dematteis nella corsa in montagna su tracciato cittadino

12.06.2018

 

SALUZZO - La prima tappa del campionato italiano di corsa in montagna parte in una cornice del tutto inedita. Non su sentieri di alta quota, non a bordo di ruscelli o sullo sfondo della neve ancora non sciolta delle mulattiere montane, ma nelle eleganti vie di acciottolato della Saluzzo alta, nel cuore del centro storico e dei sentieri della collina del Marchesato.
Un percorso affascinante e suggestivo, studiato per l'occasione dall'Atletica Saluzzo capitanata da Giovanni Bonardo, il cui sogno di portare l'appuntamento tricolore nella città capoluogo del marhionato ha potuto prendere vita domenica 10 giugno. 
Il tracciato del percorso, presentato nella sala tematica dell'ex Caserma Mario Musso, ha toccato i luoghi simbolo ed icona del saluzzese: la Castiglia attraversata nel suo interno dagli atleti, l'Antico Palazzo Comunale e la Torre Civica, la casa-museo di Silvio Pellico. Un risultato splendido, applaudito da una cornice di pubblico entusiasta e stupita. Un percorso tuttavia non privo d'insidie, “spaccagambe” lo ha definito Bernard alla fine della prova effettuata la scorsa settimana. 
Tra i partecipanti, che hanno ritirato i pettorali sabato 9 giugno alle 18.00  in Piazza Cavour, nell'area village appositamente creata, nomi di primo rilievo. Oltre ad i gemelli Dematteis, mattatori assoluti e padroni di casa (in gara per il team Corrintime), anche atleti davvero di primo ruolo nazionale ed internazionale, come le campionesse italiane di staffetta Samantha Galassi e Alice Gaggi (La Recastello Radici Group), ma anche le portacolori dell’Atl. Alta Valtellina Elisa Desco e Valentina Belotti. Curiosità poi nel vedere impegnata nella corsa in montagna la maratoneta azzurra Emma Quaglia (Cambiaso Risso) 14ma individuale e oro a squadre agli Europei di Zurigo 2014, e la ex marciatrice azzurra Rossella Giordano (ASD Brancaleone).Per lei un quinto posto alle Olimpiadi di Atlanta del 1996 sui 10km.
Prima gara a prendere il via, attorno alle ore 8.50 da Corso Italia è stata quella degli Juniores maschili su percorso di 6,5km; a seguire alle ore 9.00 juniores femminili e master maschili e femminili (5,4km), promesse e senior femminili alle ore 10.00 (11,8km) e, per finire, alle ore 11.00 promesse e senior maschili (11,8km). In totale, 452 i podisti allo start della gara: record di partecipanti ad una gara di campionato.Sin dalle prime battute grande entusiasmo da parte del pubblico nei confronti dei beniamini di casa, ancora una volta protagonisti. Non è un assolo il loro. Si trovano coinvolti in una competizione incerta e di alto livello, combattuta sino alle ultime falcate. Quello che non cambia è il risultato, con i gemelli entrambi sul podio. Nella gara maschile successo di Bernard (Corrintime), con Cesare Maestri (Atl Valli Bergamasche), terzo Martin Dematteis (Corrintime).Nella fascia femminile trionfo di Alice Gaggi (La Recastello Radici Group) davanti a Emma Quaglia (Cambiaso Risso) e Gloria Giudici (Free Zone).Per la cattegoria juniorese maschile al primo posto Giovanni Rossi (AS Lanzada), secondo Dionigi Gianola ((Premana), terzo gradino del podio per Alessandro Lotta (Atl. Valli Bergamasche Leffe).Nella prova juniores femminile affermazione di Angela Mattevi (Atl. Valle di Cembra) davanti a Alessia Scaini e Anna Arnaudo, entrambe dell’Atletica Saluzzo.Un successo su tutti i fronti, sportivo ed organizzativo, per Saluzzo e per l'Atletica Saluzzo. Molto soddisfatta l'amministrazione, il cui vice-sindaco Demaria si è detto “molto contento, un successo. Ringraziamo l'Atletica Saluzzo per la grande macchina organizzativa e disponibilità”.Non sono mancate le polemiche, come di routine in questi casi, arrivate per bocca di Alberto Anello, sindaco di Casteldelfino. Il primo cittadino non ha gradito la scelta di portare il campionato “in pianura”. “Trasportare in città quella che è la filosofia della montagna, mi pare un danneggiamento voluto alla stessa”, il suo commento. Di diverso pensiero Bonardo; il presidente dell'Atl. Saluzzo si è detto convinto della bontà del progetto e della possibilità di ripeterlo. Paolo Radosta​

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Please reload

Archivio

Please reload

Categorie

  • White Facebook Icon

MAIL. redazione@saluzzoggi.it  |  TEL. 0171 690417

© 2017 by Saluzzo Oggi - P.I. 11180650019.

This site is proudly made in alternativeADV

Testata Saluzzo.png